Progetto Caleidoscopio

Caleidoscopio

PROGETTO “IL CALEIDOSCOPIO: uno spazio polivalente per una pluralità di servizi all’interno del Centro Cristiano La Casa Sulla Roccia”

L’Associazione Onlus “Centro Cristiano La Casa Sulla Roccia”, situata in via Genova snc a Grosseto, è nata con la finalità di arrecare aiuto e solidarietà a varie fasce della popolazione grossetana, in particolare a giovani e adulti, persone con disagio sociale, psicologico ed economico, vittime di abusi e di violenze, homeless; essa, pertanto, è orientata ad accogliere ed a rispondere a tipologie diverse di bisogni, offrendo gratuitamente consulenze, attività ludiche e formative, ascolto ed aiuto materiale. Metaforicamente parlando, il Centro Cristiano La Casa Sulla Roccia è come un caleidoscopio, uno strumento ottico che si serve di specchi e frammenti di vetro o plastica colorati per creare una molteplicità di forme e colori, che mutano quando lo si fa ruotare sulla sua stessa struttura. Infatti, esso mette a disposizione attività e servizi vari, paragonabili ai tanti colori e alle tante forme del caleidoscopio, i quali sono sostenuti da un’unica struttura di base, rappresentata dai valori e dagli insegnamenti cristiani, che li orientano e li plasmano.

Il presente progetto prevede la costituzione formale all’interno del Centro Cristiano La Casa Sulla Roccia di uno spazio polivalente, in grado di rispondere maggiormente agli svariati bisogni della cittadinanza, denominato “Il Caleidoscopio”. A sostenerne l’ideazione è la consapevolezza che nel territorio grossetano viviamo situazioni sociali complesse, tra cui l’urgenza delle nuove generazioni; queste esprimono il loro disagio e la loro sofferenza, oltre che la mancanza di valorizzazione ed ascolto attraverso modalità diverse: disturbi del comportamento, autolesionismo, forme varie di dipendenza… Molteplici sono le cause di tale urgenza, quali crisi familiare (mancanza di ruoli definiti, disgregazione del nucleo familiare, famiglie allargate, tempo minore dedicato alla cura dei figli..), del sistema scolastico (risorse scarse, metodi di apprendimento diversi, delegittimazione dell’autorità del corpo docente, relazioni malsane studenti/insegnanti e studenti/studenti…), crisi del sistema educativo (dall’autoritarismo al permissivismo), società complessa (difficoltà di identificazione con valori stabili a causa del proliferare di culture e valori diversi). Emerge, però, un dato certo: questa nuova generazione ha bisogno di essere aiutata, così come gli adulti di riferimento hanno bisogno di essere riforniti di strumenti efficaci per dialogare con essa, per agganciarla, per comprenderla, per valorizzarla, per correggerla!

Le nuove generazioni hanno bisogno di essere supportate nel divenire una generazione adulta responsabile in primo luogo del proprio benessere; a non aver paura della tristezza e a non volerla “affogare” o sopprimere in modo autodistruttivo, ma ad ascoltarla con coraggio perché può avere cose importanti da dire; a scoprire ogni giorno il gusto di vivere nonostante le difficoltà ed i problemi; a riconoscere le potenzialità personali, per rivestire la forma dell’unicità ed irripetibilità che appartiene ad ogni essere umano; a trovare gli strumenti per un’autocura. Per i motivi sopra descritti le nuove generazioni hanno bisogno anche di trovare spazi in cui essere ascoltati e ricevere aiuto concreto.

Non più facile è la situazione degli adulti, che vivono sempre più il peso dell’incertezza del domani e dell’insicurezza economica, la solitudine e l’incomprensione di fronte ai dilemmi esistenziali di sempre (il senso della vita, della sofferenza, dell’ingiustizia, della morte, della violenza..), ma resi ancora più evidenti dalla disgregazione attuale di valori sociali portanti quali la solidarietà, la lealtà, l’amore, l’onestà, il rispetto reciproco..; ad aggravare tale solitudine è complice la mancanza o carenza della presenza concreta di relazioni significative, sostituite da quelle virtuali. Più i contatti aumentano in rete, più le persone si allontano fisicamente e perdono dimestichezza con i sorrisi, gli abbracci… o una semplice pacca sulla spalla! Difficile è anche la situazione degli anziani, che sembrano aver perso valore, la cui esperienza di vita pare obsoleta di fronte alla “modernità” di cui tanto spesso ci fregiamo. Terminato il loro ruolo produttivo adesso fanno fatica a ritagliarsi spazi di affermazione e riconoscimento; inoltre sono più esposti alla precarietà della salute, vivono il timore della morte che si avvicina e con essa tutte le paure per l’ignoto e la nostalgia del distacco da un mondo fisico e relazionale non sempre grato e soddisfacente, ma pur sempre noto.

Trasversali a queste categorie di persone ci sono, poi, le vittime di violenza fisica e/o psicologica, i portatori di disturbi mentali, i nuovi poveri… che, oltre alle molte necessità di cura, hanno bisogno di ritrovare fiducia in se stesse, negli altri e nella vita.

Il Caleidoscopio” del “Centro Cristiano La Casa sulla Roccia” accoglie i bisogni delle categorie sopra esposte offrendo:

1) ATTIVITA’ E SERVIZI PER I GIOVANI

2) ATTIVITA’ E SERVIZI PER GLI ADULTI

3) ATTIVITA’ PER ANZIANI

4) ATTIVITA’ DI AIUTO MATERIALE AI BISOGNOSI

OLTRE A TALI ATTIVITA’ dello spazio polivalente “Il Caleidoscopio”, il Centro Cristiano La Casa Sulla Roccia, offre specifiche attività formative inerenti la cultura biblica cristiana, quali studio sui Fondamenti della Fede Cristiana, approfondimenti biblici, predicazione della Parola di Dio, cura spirituale personale e di coppia, preghiera, lode e adorazione.

© 2012 - Centro Cristiano Fede Speranza Amore - Via Empoli, 15/2 - Firenze - CONTATTACI